<![CDATA[ I 36 Decani - MineralMania]]>Fri, 26 Feb 2016 22:52:37 +0100Weebly<![CDATA[Scheda Scientifica - Zolfo]]>Sun, 17 May 2015 12:53:23 GMThttp://i36decani.weebly.com/mineralmania/scheda-scientifica-zolfo
S

CLASSE MINERALOGICA: elemento nativo;
GRUPPO:
 trimetrico;
SISTEMA:
 rombico (solfo alfa, gruppo spaziale: Fddd), raramente monoclino (solfo ß, é il polimorfo e si chiama Rosickyte, gruppo spaziale: P21/a);
ABITO:
 si possono rinvenire splendidi aggregati di cristalli con abito bipiramidale, prismatico, pinacoidale od in combinazione di questi ; spesso però il solfo si presenta massivo ed in aggregati polverosi, più raramente reniforme ed in stalattiti e stalagmiti;

DUREZZA: 1,5-2 (solfo alfa) ; 2,5 (solfo ß);
PESO SPECIFICO:
 2,0-2,1 2,0-2,1;
INDICE DI RIFRAZIONE:
 na=1,958 nb=2,038 ng=2,245 (birifrangenza 0,287);
COLORE:
 giallo, giallo e ancora giallo (a volte giallo-bruno); biancastro nelle masse microcristalline;
LUCENTEZZA:
 da resinosa a grassa;
TRASPARENZA:
 da traslucida a subtrasparente;
SFALDATURA:
 molto debole in due direzioni;
STRISCIO:
 polvere da incolore a gialla;
FRATTURA:
 concoide;

GENESI: principalmente si rinviene in depositi vulcanici e fumarole; si può trovare solfo anche in rocce sedimentarie evaporitiche, domi salini e come minerale secondario;
PLEOCROISMO:
 debole nelle tonalità del giallo;
GIACIMENTI:
 Italia (dalla Sicilia i campioni più belli), Stati Uniti (Texas, Lousiana, California), Svizzera, Francia, Spagna;
CENNI STORICI:
 il nome deriva da un termine sanscrito che i latini tradussero in sulvere, da cui sulfur e quindi solfo (o zolfo);
ALTRE CARATTERISTICHE ED UTILIZZO:
 odora (puzza) di uovo marcio poiché a contatto con l'acqua sviluppa H2S (fetido gas); si frattura se esposto a fonti di calore e si scioglie in acqua calda. Viene usato per l'estrazione di zolfo ed in altri svariati impieghi industriali: insetticidi, funghicidi, esplosivi; é venduto inoltre per la sua bellezza ai collezionisti di minerali;
COMMENTO: é facilissimo da riconoscere grazie ad odore, colore ed abito; nelle collezioni bisogna tenere i campioni di solfo in ambienti secchi (per evitare il brutto odore nelle case, ed é inutile far finte di niente ed accusare i figli di fare le puzzette!) e lontano da forti fonti di calore; alcuni esemplari (specie dalla Sicilia) sono veramente stupendi.

Foto e Scheda: Per gentile concessione di Minerali.it
]]>
<![CDATA[Scheda Scientifica - Rame]]>Tue, 21 Apr 2015 14:15:45 GMThttp://i36decani.weebly.com/mineralmania/scheda-scientifica-rame
Cu 

CLASSE MINERALOGICA: elemento nativo;
GRUPPO:
 monometrico;
SISTEMA:
 cubico (gruppo spaziale: Fm3m);
ABITO:
 i cristalli singoli sono molto rari ma quando si presentano hanno abito cubico od ottaedrico; spesso però il rame si presenta in masse filiformi, arborescenti, ramificate od in incrostazioni;

DUREZZA:
 2,5-3;
PESO SPECIFICO:
 8,4-8,9;
INDICE DI RIFRAZIONE:
 n=1,10 (monorifrangente);
COLORE:
 rosso ramato (con sfumature verdastre nei campioni alterati);
LUCENTEZZA:
 metallica;
TRASPARENZA:
 opaco;
SFALDATURA:
 assente;
STRISCIO:
 polvere bruno-nera;
FRATTURA:
 frastagliata;

GENESI:
 non ha mai origine primaria (in quanto in fase magmatica si formano sempre i solfuri), si forma quindi per alterazione in ambiente moderatamente riducente (si rinviene nelle zone superficiali dei filoni);
PLEOCROISMO:
 assente;
GIACIMENTI:
 Usa (Michigan e Arizona), Australia, Russia, Germania, Inghilterra;
CENNI STORICI:
 è stato il primo metallo utilizzato dall'uomo; gli antichi romani sfruttarono gli abbondanti giacimenti dell'isola di Cipro (in latino cuprum, da cui deriva il simbolo Cu). Nei secoli il rame nativo è stato estremamente sfruttato al punto che attualmente non esistono giacimenti economicamente importanti di questo minerale;
ALTRE CARATTERISTICHE ED UTILIZZO:
 il rame non si ossida a temperatura ambiente e all'aria secca, ha elevata conduttività elettrica e notevole conduttività termica, è duttile, malleabile e facilmente lavorabile in fili sottili, ossia può essere lavorato per formare svariate forme (fili, superfici laminari, etc.); è un elemento tossico per ingestione ed inalazione. Il rame è un elemento fondamentale nell'economia mondiale, si usa in leghe (ottoni, bronzi etc.), nell'industria elettrica, chimica, meccanica, mineraria, dei coloranti ed in agricoltura;
COMMENTO: si riconosce grazie al colore ed alla duttilità; il rame nativo è presente in quasi ogni collezione mineralogica.


Foto e Scheda: Per gentile concessione di Minerali.it 
]]>
<![CDATA[Elementi Nativi]]>Sat, 18 Apr 2015 15:13:27 GMThttp://i36decani.weebly.com/mineralmania/elementi-nativiIl gruppo degli elementi nativi include metalli (oro, argento, rame), alcuni composti intermetallici, semi-metalli e non metalli (antimonio, bismuto, grafite, zolfo).
Questo gruppo comprende anche alcune leghe naturali come l'elettro (lega di oro ed argento), fosfuri, siliciuri, nitruri e carburi (i quali si trovano in natura solo in alcune rare meteoriti). 
]]>
<![CDATA[......................Rock Explorer......................]]>Thu, 16 Apr 2015 17:40:59 GMThttp://i36decani.weebly.com/mineralmania/rock-explorerBenvenuti cari lettori,
Se siete appassionati di minerali, questo è il posto giusto per voi, qui potrete partecipare alla nostra "caccia al minerale"
In questo tipo di competizione, non dovrete trovare la pietra più bella, o la pietra più grande, conta solo trovarla e, cosa più importante, dovrete farlo entro la fine del Countdown di 1 Giorno. Il gioco inizia all'avvio del timer che voi stessi dovrete azionare, una volta partito non dovrete farlo assolutamente ricaricare, per cui vi consiglio di sincronizzarvi con l'orologio, assicuratevi che l'ora in cui lo avviate sia la stessa di tutti gli altri, ossia le 08:00 am del giorno prestabilito.
Dopo un attimo vi arriverà una mail con la scheda tecnica del minerale da cercare, dopodiché avrete tempo un giorno per trovarlo. Appena trovate il minerale dovrete avvertirci immediatamente inviandoci un messaggio qui con la conferma e una volta a casa dovrete spedire una mail con la foto del luogo del ritrovamento, una foto di lui (o lei) col minerale e due primi piani di entrambi (uno del\la collezionista e uno del minerale), una volta verificata l'autenticità delle foto, le inseriremo in Bacheca come se fossero sulla prima pagina di un giornale (VEDI ESEMPIO SOTTO).

    A fine anno chi avrà il maggior numero di ritrovamenti vincerà un 
                                              fantastico premio.
]]>